• Open
  • 31 Marzo 2009 alle 17:11 #3738

    Salve, curiosando tra il catalogo di Lulù, sono incappato in questa interessante piantina.
    Qualcuno del Forum, conosce le sue esigenze ?
    Nel ringraziare in anticipo per le info, saluto.
    ciao.

    fabbbio89Posts: 26
    • 10Topic
    • 26Risposte
    • 36Post totali
    31 Marzo 2009 alle 22:10 - Views: 842 #29333

    …anch’io sarei interessato a carpire qualche esperienza riguardo l’allevamento di questa specie di Inga…

    Fabio

    giulianaPosts: 626
    • 97Topic
    • 626Risposte
    • 723Post totali
    1 Aprile 2009 alle 10:14 - Views: 614 #29334

    quote:


    …Qualcuno del Forum, conosce le sue esigenze ?



    Buongiorno Claudio,
    non per esperienza diretta ..albero di taglia media, originario del Messico fino all’Amazzonia brasiliana, si propaga per semi che perdono rapidamente la germinabilità e nascono entro 7-10 giorni dalla semina. Crescita rapida, preferisce suoli sabbiosi, in vicinanza di fiumi, a volte è però coltivata anche nel patio di casa. Tollera suoli poveri, acidi o alcalini,salinità e siccità. Fruttifica entro 1-2 anni dalla semina, un albero maturo può produrre da 40 a 200 baccelli all’anno. Ha vita breve e muore generalmente dopo 25 anni ca. Esistono 350-400 specie del genere Inga (non tutte a frutti commestibili). Sembra che la parola Inga sia di origine indigena e significhi pappa o zuppa riferita alla consistenza della polpa. Si coltiva anche come albero da ombra o da supporto per la vaniglia.
    La polpa del frutto si mangia (molto dolce) o se ne ricava il succo. I baccelli si usano come foraggio e il legno come combustibile, Semi e foglie sono utilizzati nella medicina tradizionale per il trattamento di diarrea e reumatismi.
    Ti basta? saluti
    giuliana

    CaioPosts: 1336
    • 115Topic
    • 1336Risposte
    • 1451Post totali
    1 Aprile 2009 alle 16:11 - Views: 582 #29335

    Intanto grazie Giuliana per la puntuale esposizone, però siccome sono esigente, mi manca l’unica informazione molto importante…la resistenza alle minime temeprature.
    Diciamo che la sua provenienza potrebbe far pensare che può tollerare anche i nostri climi.
    Saluti, caio.

    giulianaPosts: 626
    • 97Topic
    • 626Risposte
    • 723Post totali
    1 Aprile 2009 alle 17:26 - Views: 614 #29336

    quote:


    …la resistenza alle minime temeprature.



    buonasera Claudio, scusami, era chiaro che questa era l’unica informazione che ti interessava, tutto il resto è reperibile in Internet. Devi aspettare la risposta di qualcuno del Forum che la coltiva
    sorry
    saluti
    Giuliana

    CaioPosts: 1336
    • 115Topic
    • 1336Risposte
    • 1451Post totali
    3 Aprile 2009 alle 8:50 - Views: 582 #29337

    Ogniuno ha le sue fisime, io ho quella delle minime temperature……mi dovete sopportare.
    Che le info sono reperibili su Internet e palese, ma se partiamo da questo principio, allora il Forum non serve a nulla o quasi.
    Non tutti hanno la medesima abilità nel reperire su Internet le info, sopratutto quando cerchiamo specie non autoctone e con nomi particolari.
    E sempre poi da stabilire, sulal fiducia se quello che si legge e veritiero o meno, o meglio se è confrontabile con la nostra situazione ambientale.
    Attnediamo che qualche sperimentatore incappi in tale messaggio..
    Saluti, caio.

    luigi_13Posts: 52
    • 4Topic
    • 52Risposte
    • 56Post totali
    28 Ottobre 2009 alle 22:55 - Views: 651 #29338

    ciao Caio,
    io ho una pianta di Inga edulis di 3 anni che ho tirato su dal seme. Il primo inverno l’ha passato a temperature di 2 – 3°C. Il secondo in casa davanti a una porta finestra: Quest’anno l’ho trapiantata in un vaso di 25 cm di diametro ed ha cominciato a crescere in modo incontenibile, nonostante le frequenti cimature. Ha un aspetto lussureggiante e secondo me è molto bella: se riesco nei prossimi giorni allego qualche foto. Sono contento di leggere che fruttifica da giovane, vedremo…

    CaioPosts: 1336
    • 115Topic
    • 1336Risposte
    • 1451Post totali
    29 Ottobre 2009 alle 18:19 - Views: 582 #29339

    Grazie Lugi delle info e benvenuto nel forum.
    I semi della tua ingali hai presi in Italia ?
    Avevo chiesto a Lucia se aveva una piantinaper me, ma li ha finiti .
    Saluti, caio.

    paolob44Posts: 768
    • 49Topic
    • 768Risposte
    • 817Post totali
    29 Ottobre 2009 alle 23:15 - Views: 602 #29340

    La pianta cresce e fruttifica presto, si ma a casa sua, nella foresta amazzonica. E’ una pianta tropicale, non sopporta temperature sotto lo zero, qui da noi si può coltivare solo in vaso.

    Forse è meglio la Moringa oleifera

    Paolo

    un blog di caprette, ulivi e curiosità vegetali:
    http://caprettetibetane.splinder.com

    lulu
    Partecipante
    Posts: 932
    • 159Topic
    • 932Risposte
    • 1091Post totali
    31 Ottobre 2009 alle 8:19 - Views: 615 #29341

    Ciao Caio,
    le piantine le riavrò il prossimo anno, se ti interessa ancora………

    Ciao

    lulù

    CaioPosts: 1336
    • 115Topic
    • 1336Risposte
    • 1451Post totali
    2 Novembre 2009 alle 11:58 - Views: 582 #29342

    Ciao Lulu e ti ringrazio per le info, ma le informazioni che avevo io sulla Inga Edulis erano che aveva una certa resistenza alle minime temperature.
    Ora Paolo mi informa che vegeta bene nei suoi luoghi d’origine (Foresta Tropicale) e chemolto sensibile a temperature vicine allo zero, quindi spacciata al primo inverno locale.
    Non ho serre riscaldate, quindi grazie mille di nuovo.
    Saluti, caio.

    quote:


    Ciao Caio,
    le piantine le riavrò il prossimo anno, se ti interessa ancora………

    Ciao

    lulù


    HoracePosts: 831
    • 89Topic
    • 831Risposte
    • 920Post totali
    2 Novembre 2009 alle 17:11 - Views: 587 #29343

    concordo con te Claudio, le informazioni che si reperiscono tramite internet o libri non sono mai perfettamente corrette, l’unica soluzione è quella dell’esperienza diretta di qualcun altro. Bella pianta comunque!

    Moris

    MassamondoPosts: 20
    • 3Topic
    • 20Risposte
    • 23Post totali
    5 Agosto 2010 alle 8:34 - Views: 643 #29344

    Mi interessa sapere da Luigi 13 come ha avuto i semi di quel tipo di Guava. Se li ha acquistati e dove, o se li è fatti spedire opppure ha avuto occasione di portarli a casa di ritorno da un suo viaggio. Ovviamente la stessa domanda è rivolta a chiunque ne sia venuto in possesso. Leggo che hanno una capacità germinativa molto corta e che soffrono il feddo. Mi viene dunque il dubbio che se anche riesco a farmeli spedire dal CostaRica, dove conosco chi ne ha la pianta, la temperatura dell’aereo possa farli morire.

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    6 Ottobre 2011 alle 19:04 - Views: 606 #29345

    La mia nata quest’anno, l’ho piazzata a terra a luglio ed è cresciuta più di un metro e ottanta. Vedremo quest’inverno che succede…

    mirkoPosts: 121
    • 74Topic
    • 121Risposte
    • 195Post totali
    6 Ottobre 2011 alle 19:29 - Views: 655 #29346

    Ciao chi ha qualche seme anche per me grazie

    rafa_nadaPosts: 745
    • 82Topic
    • 745Risposte
    • 827Post totali
    6 Ottobre 2011 alle 21:56 - Views: 625 #29347

    mirko ti ho mandato una e-mail…