Forum replies created

    In risposta a elenchi semi
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    31 Dicembre 2004 alle 8:40 - Views: 557 #25777

    quote:


    Pietro, hai trovato i baccelli della pianta di cui mi avevi scritto?


    Sì ne ho intravisto alcuni, ma sono tutti al di sopra del tetto e non ho purtroppo modo di recuperarli, comunque li tengo d’occhio.
    Ciao e auguri,
    Pietro

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a Plumerie
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    30 Dicembre 2004 alle 7:55 - Views: 654 #6912

    Certamente è un buon segno, anche se non c’è ovviamente certezza, l’importante è che il fusto non raggrinzisca troppo e non si instaurino marciumi. La mezza bottiglia va benissimo, ma evitare di farsi prendere la mano e bagnare troppo il substrato che deve essere umido, ma non saturo d’acqua. Rami spezzati di plumeria hanno una grande capacità di sopravvivenza in ambiente umido, tanto da rimanere vitali e fiorire dopo mesi senza essere interrati.
    Ciao

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    29 Dicembre 2004 alle 14:19 - Views: 667 #6898

    Sì, il gardnerianum può occupare col tempo molto spazio, ma al mio gli amici non lasciano il tempo . Per quel che riguarda l’inclinazione, è accentuata se riceve luce in modo marcatamente disuniforme, altrimenti è solo poco discosta dalla verticale.
    Il coronarium ha tutte le dimensioni ridotte rispetto al gardnerianum, se non sovralimentato i fusti non superano il metro di altezza. Per la luce è il più esigente tra quelli che ho, in ombra fiorisce poco o niente, quindi pieno sole anche se nei nostri climi assolati ed aridi si avvantaggierebbe di una leggera velatura nelle ore centrali della giornata. Per gli altri ombra parziale, ma senza esagerare per non compromettere la fioritura.
    A mio personale modo di vedere il coronarim merita tutta la fame e diffusione che ha.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    28 Dicembre 2004 alle 23:12 - Views: 664 #6895

    Ciao Cesare,
    occorre pazientare uno ed a volte due anni prima della fioritura. Il rizoma è l’organo di riserva e quando viene diviso per la moltiplicazione il primo anno non ha in genere le riserve necessarie sia per assestarsi nella nuova posizione (ed infatti la vegetazione inizia in ritardo perchè prima deve radicare) che per fiorire.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    28 Dicembre 2004 alle 18:01 - Views: 659 #6893

    In ordine cronologico…
    Ciao Massimo (se posso permettermi), ecco qualche notizia sul thyrsiforme. Come altri del genere proviene dalle pendici meridionali dell’Himalaya, in aree climaticamente definibili come temperato-calde. I fusti sono alti fino a 2 m, le foglie grandi, verde lucido ed elegantemente ondulate sui bordi e si mantengono pressochè integre per oltre un anno. E’ appunto il fogliame la parte più apprezzata di questa specie, l’infiorescenza, pur interessante per la sua ‘scapigliatura’, dal punto di vista ornamentale non regge il paragone con altri Hedychium. La fioritura quest’anno è iniziata ora, mentre lo scorso anno a febbraio; teoricamente dovrebbe essere in autunno, sospetto che da me lo spostamento verso i mesi invernali sia dovuto al rallentamento estivo per insufficiente umidità, è infatti dopo le prime piogge ottobrine che i fusti accelerano la crescita.
    Io lo coltivo in maniera molto spartana, come le altre piante, e non se ne…. lamenta troppo, questo serve anche a contenerne lo sviluppo.

    Ciao Maurizio,
    ho ben poco, oltre appunto gardnerianum e coronarium (la cui fama è ben giustificata) ellipticum, gracile, greenei e naturalmente thyrsiforme. Personalmente sono più interessato alle specie botaniche, ma non ho preclusioni preconcette sugli ibridi ed infatti mi pare di ricordarne qualcuno da te citato in siti inglesi, che sarebbe più conveniente per l’acquisto, ad ogni modo se puoi appoggiarti ad amici vivaisti che posseggono i canali giusti per importare da fuori Comunità è meglio.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a caffé
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    27 Dicembre 2004 alle 10:16 - Views: 736 #6886

    Io non ho usato alcun pretrattamento tranne il classico ‘ammollo’ per uno o due giorni; importante la temperatura, che è bene sia abbastanza elevata, orientativamente non inferiore a 20 °C, qualche grado in più è meglio. I semi germinano dopo due tre mesi, probabilmente i tuoi avevano perso la germinabilità o sono marciti per bassa temperatura e/o eccesso di umidità.
    Ciao

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a felci tropicali
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    25 Dicembre 2004 alle 23:17 - Views: 710 #25759

    Ciao Gianni,
    non so se ti può interessare, ho in piena terra due Cyathea, la cooperi e la brownii grandicelle.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    A quanto pare il Forum ha l’eco….

    Scritto Da – pietropuccio on 25 Dicembre 2004 23:21:00

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a felci tropicali
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    25 Dicembre 2004 alle 22:54 - Views: 709 #25758

    Ciao Gianni,
    non so se ti può interessare, ho in piena terra due Cyathea, la cooperi e la brownii grandicelle.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a Solandra …
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    25 Dicembre 2004 alle 19:56 - Views: 784 #6855

    Ciao a tutti,
    non sono intervenuto prima perchè personalmente non sono molto ‘amico’ di questa pianta, tanto da averla eliminata dopo due anni. Necessita infatti di grandi spazi per la vegetazione supervigorosa ed alquanto disordinata. In Sicilia è abbastanza diffusa nelle zone costiere dove è in fiore durante tutto l’inverno con un massimo in gennaio e febbraio, naturalmente in zone dove si verificano sporadiche gelate la fioritura invernale salta. In piena terra i primissimi anni in genere la fioritura è scarsa essendo occupata ad espandersi.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a Che varietà è?
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    25 Dicembre 2004 alle 0:40 - Views: 733 #6883

    Ciao,
    originariamente descritta come specie ( Plumeria tricolor Ruiz & Pav.) è ora considerata una varietà della Plumeria rubra, il nome attualmente accettato è Plumeria rubra ‘Tricolor’.
    ….e lascia perdere “l’esperto”

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    24 Dicembre 2004 alle 18:18 - Views: 685 #25740

    Ciao Francesco,
    per l’Ananas, basta comprarne uno che abbia il ‘ciuffo’ integro, tagliarlo, fare asciugare il taglio ed interarlo leggermente in un vaso tenuto in ambiente caldo, magari dentro il classico sacchetto di polietilene per mantenere l’umidità. Lo stesso per il Cocos, spesso tra quelli in vendita ve ne è qualcuno che da uno dei tre ‘occhi’ (opercoli) esce una specie di minitappo bianco, compralo facendo attenzione a non rovinarlo e lo pianti orizzontalmente con il suddetto appena sotto il livello del terriccio, come sopra ambiente caldo, terriccio umido, e non aspettarti di vedere qualcosa prima di qualche mese. Idem per il Litchi, piantare subito dopo aver tolto il seme dalla polpa, stesse condizioni di prima. Per la Persea, sempre dal supermercato, esistono molti modi per fare germinare il seme (in acqua o in terra) scegli quello che preferisci, solitamente germina con facilità. Potresti fare lo stesso con il Mango, ma mi sembra ti interessino solo quelli nani.
    Ciao

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    22 Dicembre 2004 alle 13:39 - Views: 718 #6831

    Ciao Giuseppe e benvenuto, come vedi sei in ottima compagnia!

    Ciao Michele, grazie per il cortesissimo e approfitto per confermarti, se ancora non l’hai contattato, che puoi trovare i manghi nani dove ti ho indicato.

    Ciao Francesco, il mango cresce e fruttifica nelle aree costiere della Sicilia, ad es. nella costa tirrenica, presso Alcamo, c’è già un impianto in produzione, io ho una varietà nana in piena terra che da qualche anno fruttifica, ed a Milazzo esistono pure grandi alberi che fruttificano da anni.
    Auguri

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a che bauhinia e’?
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    19 Dicembre 2004 alle 17:12 - Views: 643 #25732

    E’ un rampicante? Nel qual caso potrebbe trattarsi della B. yunnanesis.
    Ciao

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a hibiscus
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    19 Dicembre 2004 alle 8:18 - Views: 668 #25726

    Ciao,
    l’H. clayi non è per nulla diffuso, sarà quindi difficile trovarlo, non l’ho mai visto citato in cataloghi di semi o piante italiani od europei, non se ne parla nemmeno nelle società americana ed australiana dedicate agli Hibiscus, al limite puoi chiedere informazioni alla “Native Hawaiian Plant Society”: http://www.angelfire.com/hi4/nhps/
    può darsi che te li mandino spontaneamente (nel qual caso ricordati del sottoscritto…

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    In risposta a Cura delle Plumerie
    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    18 Dicembre 2004 alle 18:29 - Views: 841 #6791

    Ciao Lulu,
    non ci sono limiti di età e di dimensione, alla periferia di Palermo c’è una villetta con un albero alto 5 m, mantenuto a questa altezza con potature, innesti e reinnesti con una decina di varietà, da un ex giardiniere dell’orto botanico, ora ultranovantenne. Io ero contrario agli innesti di diverse varietà su una stessa pianta (lo fanno a volte con gli oleandri), ma quando una trentina di anni fa l’ho visto in fioritura, almeno per le plumerie, mi sono ricreduto. Il momento migliore è quando è evidente la ripresa vegetativa, che può essere diversa per piante in serra da quelle in piena terra, all’amico di Bologna (in serra riscaldata) ad es. iniziano a fiorire almeno un mese e mezzo prima che a Palermo. Ti consiglio la prima volta di tentare con pochi rami, in modo da farti la ‘mano’. Per la forma del taglio, qualsiasi va bene basta che la zona del cambio coincida per una buona parte e che rimangano ben a contatto. Io ne ho fatti molti sia con un taglio ‘a gradino’ che inclinato ( / ), ma in Thailandia ne ho visto molti a V. Per forzare le due parti in contatto uso il classico nastro isolante degli elettricisti avvolto ben stretto, che ha il vantaggio di mantenersi integro per molti mesi all’aperto.
    Ad ogni modo, sicuramente Lucrezio ti darà altri ottimi consigli.

    Pietro Puccio
    Palermo, zona (USDA) 9b/10a

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/