• Open
  • 25 Agosto 2009 alle 17:25 #4795

    Apro questo post per raccontarvi e condividere dell’esperienza ad oggi acquisita su questa palma, che negli ultimi giorni ho scoperto di avere e che mi stà incuriosendo molto…

    ho seminato in tarda primavera 2008 i semi di roystonea regia , che mi sono stati quasi favoriti per caso, unica impasse all’acquisto l’obbligo di prendere di 1.000 semi , li comprai ugualmente visto il costo di pochi euro e la curiosità di coltivare questa palma.

    I semi messi preventivamente a mollo per 48 ore , mostrarono rispetto ad altre specie seminate, una differenza notevole , e cioè il fatto che stavano a galla dopo 10 ore di ammollo, pensavo ai tempi che mi fossero stati venduti semi di scarto, dopo quasi mezzagiornata molti di loro andarono a fondo, quelli che restarono a galla dopo 12 ore un 30 %ncirca li buttai via, presumo che il fenomeno per me inconsueto, nacque per via di una tensione superficilae elvata dei semi ( come mi fù spiegato da un amico del forum ).

    i semi germinarono in circa 60/90 giorni, a temperatura costante di 28° con alta umidità, la percentuale precisa di germinazione stava attorno al 30 %. Ottenni quindi circa 200 piantine.

    Le ripichettai subito in vasetti, erano nate con semina superficiale in cassa termica, e riscontrai una certa apatia al ripichettaggio. Le piantine che erano quasi fili di erba , vegetarono per tutta la stagione estiva 2008 , con l’arrivo dell’inverno riscontrai che le piantine non c’e’ la facevano molte di loro morivano, ritenni che avevo perso tutta la semina, anche per via della specie che ritenevo difficile.

    Quest’anno mi sono ritrovato fra le piantine in alcuni vasi, specie che non identificavo, nonostante tutto le ho messe assieme alle altre in attesa di riconoscimento, irrigando e concimando.

    Le piantine in oggetto, mi incuriosivano , perchè rispetto alle altre mostravano una foglia molto diversa !!! tutto pensavo tranne che potevano essere roystonea superstiti, anche perchè hanno trascorso l’intero inverno all’aperto in posizione leggermente riparata, e sicuramente hanno visto grandine e pioggia spinta per prolungate ore nonchè temperture minime di 3° circa anch’esse prolungate.

    in questi giorni facendo ricerche e postando foto, ho avuto modo di accertare con mio stupore che sono piantine di roystonea regia.

    ad oggi le piantine più spedite in crescita che ho avuto, sono le archontophoenix alexander e le washintonia robusta, ma la roystonea sembra essere molto più rapida di quest’ultime, il tronco sviluppato ad oggi è di circa 15 cm di altezza e la foglia più grande arriva quasi a 40 cm di lunghezza, mi ha colpito anche il numero delle foglie che ha sviluppato dalla nascita variabile dai 3 ai 6 in funzione della piantina, il colore sia del fusto che delle foglie è un verde molto scuro, ma questo potrebbe derivare dal fatto che hanno vissuto quasi in ombra, adesso la metà di loro sono in pieno sole, ho letto che a questa palma giova molto.

    Le piantine che ho praticamento trovato, sono sedici ma distribuite su otto vasi, è una abitudine di ripichettaggio che ho quando me ne ritrovo tante da trapiantare.

    non voglio tirare conclusioni affrettate ma penso che le piantine di roystonea regia sopravissute, abbiano oggettivamente passato una sorta di selezione naturale , restando in vita solo le più resistenti !!!

    ho letto che il periodo di maggiore rischio ed acclimamento lo si ha nei primi anni di vita, e sicuramente queste partono con una marcia in più…

    ho letto anche post in forum esteri, dove appassionati coltivano questa specie in condizioni climatiche che vedono alcuni gradi sotto lo zero per tempi non prolungati e addirittura qualche timida gelata, a Palermo gelate nella mia zona non se ne vedono e neanche temperature sotto lo zero, la minima storica se non erro risaltente al 1968 è di 1,6 °. Presenza di questa palma senza protezione in piena terra viene data a Valencia in Spagna e in Argentina dove alcuni coltivatori parlano di aver visto le loro piante sopportare punte sotto lo zero senza particolari danni.

    detto questo penso che forse Palermo possa essere una zona che potrebbe ospitare questa specie ( lo spero ), unico fatto che mi lascia perplesso l’esperienza di Pietro che ne ha perso un esemplare , anche se leggendo il suo post scriveva che non trovava spiegazione oggettiva alla morte della sua pianta.

    vi terrò aggiornati sull’evolversi, ed ogni suggerimento e confronto di esperienze è gradito , posto alcune foto delle piantine:

    http://a.imagehost.org/0415/Piantine_Roystonea_Regia_1.jpg

    http://a.imagehost.org/0821/Piantine_Roystonea_Regia_2.jpg

    http://a.imagehost.org/0934/Piantine_Roystonea_Regia_3.jpg

    saluti
    Salvo

    Scritto Da – salvo.a il 25 Agosto 2009alle ore 17:31:42

    DavidPosts: 121
    • 13Topic
    • 121Risposte
    • 134Post totali
    7 Dicembre 2015 alle 20:19 - Views: 319 #42351

    Grazie Pietro, comunque sebbene in relazione alla casa non sembra che sia sei metri lo si capisce invece da tutti quegli anelli sul fusto. Le mie di 4 mt circa ne hanno forse, dico forse, la meta’. Mah..magari tra tre/4 anni iniziera’ a caratterizzare la foglia ma d’ altronde come dici tu e’ un esemplare ancora giovane per quella fase. In questo periodo forse assomiglia piu’ ad una bella Archontophoenix alexandrae var. beatricea. Comunque bellissimo esemplare. Complimenti!

    David
    Capo d’Orlando (ME) Sicilia, USDA 9b Subtropicale-Mediterraneo
    e Milano, USDA 7b Continentale.

    Stefano De C.Posts: 617
    • 29Topic
    • 617Risposte
    • 646Post totali
    8 Dicembre 2015 alle 21:49 - Views: 265 #42352

    Come sensibilità al punteruolo come è messa questa palma?
    E’ attaccata facilmente?

    Stefano
    Roma

    Stefano De C.Posts: 617
    • 29Topic
    • 617Risposte
    • 646Post totali
    8 Dicembre 2015 alle 21:49 - Views: 265 #42353

    Come sensibilità al punteruolo come è messa questa palma?
    E’ attaccata facilmente?

    Stefano
    Roma

    DavidPosts: 121
    • 13Topic
    • 121Risposte
    • 134Post totali
    8 Dicembre 2015 alle 21:55 - Views: 322 #42354

    Male, solo che per i primi 8/10 anni il fusto e’ troppo sottile per garantire il calore desiderato dal punteruolo quindi predilige altre specie. Quando invece diviene adulta il fusto colonnare e’ l’ ideale per la riproduzione dell’ insetto. Ma diciamo che oggi qualche metodo di contrasto al punteruolo esiste. Non rappresenta piu’ il dramma di qualche anno fa. Almeno per certe specie di palme

    David
    Capo d’Orlando (ME) Sicilia, USDA 9b Subtropicale-Mediterraneo
    e Milano, USDA 7b Continentale.

    Tropico55Posts: 69
    • 29Topic
    • 69Risposte
    • 98Post totali
    11 Marzo 2017 alle 0:01 - Views: 321 #42355

    Non ci sara problemi a crescere questa palma regale e la delonix regia a reggio calabria la piu mite e piu protetta climaticamente citta ditalia. Se solo qualcuno prendera il tempo e buonavolonta di piantarle

    Tropico55Posts: 69
    • 29Topic
    • 69Risposte
    • 98Post totali
    11 Marzo 2017 alle 0:01 - Views: 321 #42356

    Non ci sara problemi a crescere questa palma regale e la delonix regia a reggio calabria la piu mite e piu protetta climaticamente citta ditalia. Se solo qualcuno prendera il tempo e buonavolonta di piantarle

    hans.thomas
    Partecipante
    Posts: 315
    • 46Topic
    • 315Risposte
    • 361Post totali
    11 Marzo 2017 alle 3:29 - Views: 304 #42357

    Reggio Calabria la città più mite e più protetta d’Italia? Ho vissuto 12 anni in quella città e tutto ricordo tranne che fosse protetta… quando soffia il vento dello stretto vola qualunque cosa e a febbraio che arriva il vento da Gambarie si muore di freddo. Però ci sono punti di microclima favorevolissimi, ricordo una Jacaranda nel giardino della chiesa del Salvatore che non sempre perdeva le foglie in inverno.
    Riguardo il clima, è molto mite ma Catania, ad esempio, è migliore. Ad ogni modo un tentativo con Roystonea e Delonix credo sia fattibile…

    Salvatore

    Giardino in Ragusa, Playa Grande, Marina di Modica

    Tropico55Posts: 69
    • 29Topic
    • 69Risposte
    • 98Post totali
    11 Marzo 2017 alle 14:58 - Views: 317 #42358

    dipende dove sei esposto..laeroporto e esposta a inversione termica e piu freddo ma la marina o al lungomare e molto piu mite come a pellaro dove ci sono grandi coltivazioni di annone. Il vento dello stretto per qualche motivo fa rimanere la zona mite. Catania ha fatto molto freddo questo passato gennaio e ha gelato ovunque..anche ha ragusa enna trapani palermo ha fatto molto freddo.

    hans.thomas
    Partecipante
    Posts: 315
    • 46Topic
    • 315Risposte
    • 361Post totali
    11 Marzo 2017 alle 16:50 - Views: 307 #42359

    Vorrei sapere chi ha messo in giro la voce che in Sicilia ha gelato quest’anno; perlomeno a Ragusa.
    Ci sono stati inverni peggiori, anche di molto… questo è stato abbastanza mite ed una settimana di freddo pesante non ha ucciso niente. Non è che le foglie morte delle aloe sono sinonimo di gelate e di morte delle piante.
    Proprio quest’anno non ho subito nessun genere di danno ad alcuna pianta (ad esclusione dell’archontophoenix alexandrae ma saranno state una serie di sfortunate coincidenze).

    Salvatore

    Giardino in Ragusa, Playa Grande, Marina di Modica

    Tropico55Posts: 69
    • 29Topic
    • 69Risposte
    • 98Post totali
    12 Marzo 2017 alle 14:12 - Views: 309 #42360

    vari siti hanno detto che nel centro sicilia paesi con bufere di neve..freddo e neve nel palermitano e messinese costiere..temperature sotto zero nel catanese. Era scritto su parecchi siti climatici siciliani. Indaga un po su google e vedrai. Un certo che vive a messina mi ha detto che ci sono stati molte delle sue piante tropicali danneggiati dal gelo.

    Stefano De C.Posts: 617
    • 29Topic
    • 617Risposte
    • 646Post totali
    12 Marzo 2017 alle 22:13 - Views: 286 #42361

    Che nella Sicilia interna sopra i 400 m ci siano in inverno giornate con neve e venti freddi è un evento normale, la Sicilia non è tutta con il clima delle zone costiere, nelle zone interne gli inverni sono freddi e anche nevosi (in alcune zone delle Madonie, si scia)

    Stefano
    Roma

    Stefano De C.Posts: 617
    • 29Topic
    • 617Risposte
    • 646Post totali
    12 Marzo 2017 alle 22:15 - Views: 286 #42362

    Riguardo alal neve sulle coste siciliane, ne ha fatta di più 3 anni fa (fu storia con la S maiuscola per tante città, come Siracusa, Augusta, Trapani ecc.)

    Stefano
    Roma

    southern sicily
    Partecipante
    Posts: 294
    • 9Topic
    • 294Risposte
    • 303Post totali
    28 Agosto 2017 alle 23:28 - Views: 295 #42363

    Casualmente mi sono imbattuto in questo video riguardante un vivaio alle isole Canarie dove, pare, la Roysonea regia – e tante altre palme – si coltivano con una certa facilità.

    https://www.youtube.com/watch?v=FYwhf9haUJs

    Pozzallo

    Tropico55Posts: 69
    • 29Topic
    • 69Risposte
    • 98Post totali
    4 Ottobre 2017 alle 9:04 - Views: 311 #42364

    A sud di Reggio e quasi tropical con papaye manghi che fioriscono a gennaio, pitayas, ficus lyrata, pouteria canistel, manghi del Vietnam, jackfruit tutti a piena Terra senza protezione. La Royal Palm non avra problem..alle canarie e daspettare perche sono molto piu sud e lontane dai fronti artici pero qualche volta fa anche freddo li

    southern sicily
    Partecipante
    Posts: 294
    • 9Topic
    • 294Risposte
    • 303Post totali
    14 Novembre 2018 alle 22:29 - Views: 293 #42365

    E’ possibile vedere qualche aggiornamento sulle vostre Roystonea regia?

    Pozzallo