• Open
  • 1 Gennaio 2015 alle 23:23 #2639

    Al centro della foto, scusatemi se non e’ il massimo, si notano un gruppo di banani che nascono tutti da un punto centrale….anche se dalla foto non si capisce bene…

    Aggiungo altra foto.

    In questa il ceppo di banani è visibile tutto sulla sinistra ( sono quelle con le striature rossastre sulle foglie.

    Cerco di spiegarmi meglio.

    Di soliti i banani possono pollonare uno vicino all’altro ma non ne avevo mai visti pollonare tutti dallo stesso ceppo.

    Sul questo pianta sembra come tutti i polloni non partano dal terreno ma da un unica noce centrale….simile a quanto accade nelle streliziacee…anche se questa è comunque una musa.

    Al momento dell’acquisto non me ne ero reso conto perchè era un piccolo bulbo e non avevo notato questa cosa.

    Solo ora mi rendo conto che è molto diverso dalle solite Muse.

    Sapete per caso cos’è e di dove è originario ?

    Ringrazio
    Rai

    Scritto Da – elrey il 01 Gennaio 2015alle ore 23:30:01

    utopia tropicalePosts: 23
    • 4Topic
    • 23Risposte
    • 27Post totali
    2 Gennaio 2015 alle 1:29 - Views: 416 #24260

    Buon giorno se ho capito bene ti interessa identificare quella “ceppaia” con le foglie in primo piano…….
    se ti riferisci a quelle sono musella lasiocarpa, quindi non fa parte del genere musa ma molto più vicino geneticamente agli “ensete” spero di esserti stato utile… riccardo

    elreyPosts: 102
    • 16Topic
    • 102Risposte
    • 118Post totali
    2 Gennaio 2015 alle 13:45 - Views: 408 #24261

    quote:


    Buon giorno se ho capito bene ti interessa identificare quella “ceppaia” con le foglie in primo piano…….
    se ti riferisci a quelle sono musella lasiocarpa, quindi non fa parte del genere musa ma molto più vicino geneticamente agli “ensete” spero di esserti stato utile… riccardo


    Ti ringrazio ancora

    …oh le conosci tutte..

    Nel frattempo mi sono documentato con le foto online e corrisponde proprio a musella lasiocarpa detta anche Chinese yellow banana.

    Proviene dalla provincia dello Yunnan in Cina e vive fino a 2.500 metri di altitudine quindi.

    Ho anche letto ma non so se è vero che addirittura resiste fino a -8 quindi parecchio rustica.

    Purtroppo pare che non cresca molto massimo un metro e mezzo….e di nuovo come dici tu essendo un ensete e non una musa quando compare l’infiorescenza la pianta muore.

    Ora ti volevo chiedere un consiglio.

    Siccome questo ensete è un po’ diverso dagli altri perchè non è monocarpico ma giustamente come dici tu una ceppaia come si fa a dividere la pianta per generarne altre ….ammesso che sia possibile…

    Io ho provato a dividerne qualche ceppo con una sterra ma è quasi impossibile…i ceppi poi non sopravvivono perchè la pianta è un tuttuno quindi quando la dividi i ceppi sono senza radice ….sembrano quasi strappati.

    Tu pensi che si possa dividere con qualche successo ?

    Grazie

    Rai

    utopia tropicalePosts: 23
    • 4Topic
    • 23Risposte
    • 27Post totali
    2 Gennaio 2015 alle 17:52 - Views: 466 #24262

    ciao facendo un po di chiarezza la musella non è un ensete ma una specie a se, comunque geneticamente più vicina alla famiglia degli ensete che al genere musa. in realtà come nel genere musa la pianta fiorisce poi muore ma nel frattempo avrà creato molti polloni che sostituiranno la pianta madre questi non sono staccabili fino a quando non saranno di una dimensione maggiore perchè nella prima fase non hanno radici proprie ma utilizzano l’energia della madre che li ha generati, ma crescendo creeranno radici autonome in quel momento si potranno dividere senza rischi… trovo comunque che il suo valore estetico sia proprio nel creare un grosso cespuglio non molto alto e questo non è un difetto bisogna solo saperlo per dedicargli un posto in primo piano magari davanti a muse o ad altre piante con portamento più alto trovo molto interessanti gli accostamenti con hedychium,alpinia o piante a foglia grossa come petasites, darmere ecc.
    la su rusticità è buona come hai letto -8 ma anche di più unico rischio è di perdere completamente i tronchi, in primavere ricacceranno dal terreno nuove piante ma in questo modo non si vedrà la fioritura a breve…. nel tuo caso le piante sembrano già adulte e sicuramente il prossimo anno fioriranno, sembrano già 3 polloni di buona dimensione ti accorgerai di essere vicino alla fioritura quando le foglie non saranno più verticali ma si metteranno orizzontali a raggera, spero di esserti stato utile Riccardo

    elreyPosts: 102
    • 16Topic
    • 102Risposte
    • 118Post totali
    4 Gennaio 2015 alle 22:34 - Views: 407 #24263

    quote:


    ciao facendo un po di chiarezza la musella non è un ensete ma una specie a se, comunque geneticamente più vicina alla famiglia degli ensete che al genere musa. in realtà come nel genere musa la pianta fiorisce poi muore ma nel frattempo avrà creato molti polloni che sostituiranno la pianta madre questi non sono staccabili fino a quando non saranno di una dimensione maggiore perchè nella prima fase non hanno radici proprie ma utilizzano l’energia della madre che li ha generati, ma crescendo creeranno radici autonome in quel momento si potranno dividere senza rischi… trovo comunque che il suo valore estetico sia proprio nel creare un grosso cespuglio non molto alto e questo non è un difetto bisogna solo saperlo per dedicargli un posto in primo piano magari davanti a muse o ad altre piante con portamento più alto trovo molto interessanti gli accostamenti con hedychium,alpinia o piante a foglia grossa come petasites, darmere ecc.
    la su rusticità è buona come hai letto -8 ma anche di più unico rischio è di perdere completamente i tronchi, in primavere ricacceranno dal terreno nuove piante ma in questo modo non si vedrà la fioritura a breve…. nel tuo caso le piante sembrano già adulte e sicuramente il prossimo anno fioriranno, sembrano già 3 polloni di buona dimensione ti accorgerai di essere vicino alla fioritura quando le foglie non saranno più verticali ma si metteranno orizzontali a raggera, spero di esserti stato utile Riccardo


    Petasites Japinicus e darmere non le conoscevo….davvero stupende

    Sai per caso se come rusticità sono simili ad Alpinia ?

    Ringrazio ovviamente per tutti i consigli

    Rai

    utopia tropicalePosts: 23
    • 4Topic
    • 23Risposte
    • 27Post totali
    5 Gennaio 2015 alle 13:04 - Views: 466 #24264

    no, tu sei molto fortunato con il clima sono molto più rustiche resistono a -15/-20 io non mi posso permettere l’alpinia… attenzione al petasites perchè è rizzomatoso in pochi anni ti riempie il giardino…… quindi va confinato!

    elreyPosts: 102
    • 16Topic
    • 102Risposte
    • 118Post totali
    5 Gennaio 2015 alle 14:57 - Views: 407 #24265

    quote:


    no, tu sei molto fortunato con il clima sono molto più rustiche resistono a -15/-20 io non mi posso permettere l’alpinia… attenzione al petasites perchè è rizzomatoso in pochi anni ti riempie il giardino…… quindi va confinato!


    Grazie ancora per i consigli
    Rai