• Open
  • 30 Novembre 2010 alle 22:44 #1740

    Qualche giorno fa ho fatto alcune foto in un giardino storico vicino a Lecce:

    Questo è un Cedrus atlantica gigantesco:

    Questo un Cinnamomum camphora altrettanto enorme:

    A seguire Jubaea,Butia,Washingtonia ecc..

    annarellaPosts: 253
    • 26Topic
    • 253Risposte
    • 279Post totali
    28 Dicembre 2010 alle 16:19 - Views: 369 #18255

    che meraviglia Fede!….scusa ma il freddo di questi giorni non le ha procurato nessun danno? Se stava dalle mie parti sarebbe ormai secco, che bel clima che avete! ho un pochino di invidia

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    28 Dicembre 2010 alle 17:41 - Views: 324 #18256

    Ciao Annarella, i Ficus benjamin qui vanno abbastanza bene, anch’io ne ho uno in pieno campo alto circa tre metri (molto più piccolo di quello della foto)che non ha risentito degli abbassamenti di temperatura che ci sono stati e che probabilmente ci saranno…al massimo perdono la metà delle foglie come successe qualche anno fa ma dipende dalla posizione di piantumazione.

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    23 Gennaio 2011 alle 19:24 - Views: 324 #18257

    Un Ficus macrophylla a Lecce (riprodotto per talea da quello di Palermo più di un secolo fa):

    GabrielPosts: 305
    • 57Topic
    • 305Risposte
    • 362Post totali
    23 Gennaio 2011 alle 20:57 - Views: 358 #18258

    Ciao Fede, grazie mille per queste fotografie stupende. Incredibile il Ficus! A quale minima è stato sottoposto finora?

    judenzoPosts: 502
    • 24Topic
    • 502Risposte
    • 526Post totali
    23 Gennaio 2011 alle 21:02 - Views: 341 #18259

    Uno dei tantissimi ficus qui sul lungo mare di Reggio Calabria

    Enzo
    Calabria tirrenica meridionale (sul mare) zona 9b

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    24 Gennaio 2011 alle 12:05 - Views: 324 #18260

    Ciao Gabriel, sono felice che ti piacciano. Purtroppo la foto di questo Ficus non rende, ha una volta gigantesca nonostante sia stato per decenni e decenni abbandonato e destinato a sopravvivere senza acqua. Prima che lo potassero anni fa quel giardino come l’edificio erano impenetrabili a causa dei suoi rami…
    Per quanto riguarda la temperatura: la T. media del mese più freddo, Gennaio, è di +8,6 °C, mentre quella del mese più caldo, Agosto, è di +25,2 °C. La temperatura minima assoluta ha toccato i -12,0 °C nel gennaio 1979 anche se per pochissimo tempo (la media delle minime assolute annue di -2,5 °C), mentre la massima assoluta ha fatto registrare i +44,4 °C nel luglio 1987 (la media delle massime assolute annue di +38,8 °C). La temperatura media annua comunque è di 16,3 °C.
    Questo è il quadro per quanto riguarda Lecce città e paesi limitrofi. Verso il Capo di Leuca le temperature sono più elevate.

    Scritto Da – fede76 on 25 Gennaio 2011 16:56:38

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    24 Gennaio 2011 alle 12:26 - Views: 326 #18261

    Ciao Judenzo,ho sentito parlare molto del lungo mare di Reggio Calabria, adornato da maestosi Ficus e non solo. Purtroppo dalle mie parti solo ultimamente, salvo qualche caso, stanno cominciando ad interessarsi al verde pubblico piantumando oltre le solite belle palme ormai decimate dal R. ,Ficus ed altre essenze tropicali nelle villette di nuova progettazione. In ambito privato è meno difficile imbattersi in qualche albero secolare ma noto che qualcosa, anche se lentamente, sta cambiando…
    Quanti anni potrà avere quel Ficus m. ritratto nella tua foto? Ho osservato che qui sul mare crescono anche d’inverno tre quattro volte più rapidamente rispetto all’entroterra in quanto c’è più umidità e la terra non è sabbia rossa come la si riscontra nelle campagne salentine.

    Lilio apuloPosts: 310
    • 6Topic
    • 310Risposte
    • 316Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 18:47 - Views: 361 #18262

    quote:


    …. La temperatura minima assoluta ha toccato i -12,0 °C nel gennaio 1979 anche se per pochissimo tempo …


    ti rendi conto che quella temperatura non è mai stata registrata neanche sul Subappennino Dauno??

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 19:54 - Views: 326 #18263

    Si Lilio, a Lecce e vicinanze nel gennaio del ’79 è stato così… magari sarà durato poco (la temperatura massima assoluta nello stesso mese dello stesso anno è stata di 20,04 °C) quindi una differenza di di 32 gradi cent. lo stesso mese! Quell’anno il clima è stato strano…

    Lilio apuloPosts: 310
    • 6Topic
    • 310Risposte
    • 316Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 20:37 - Views: 367 #14430

    no Fede forse non hai capito …. quella temperatura probabilmente non è mai stata registrata da nessuna parte in Puglia ! a Lecce poi è totalmente inattendibile. Non sto mettendo in dubbio quello ch hai scritto, ma la fonte da cui hai preso quel dato. Tieni presente che ad una temperatura del genere gli olivi sarebbe stati gelati al piede (come è avvenuto in varie regioni del centro nord)cosa che non è affatto avvenuta e poi non ha nessun senso dire che è durata pochissimo. La temperatura non scende improvvisamente da +5 a -12 per poi risalire a +5 in mezz’ora. Per arrivare a -12 si passa da -11, che a sua volta viene da -10 etc etc, non è come se uno ti tira addosso improvvisamente un secchio d’acqua fredda in estate e tu dopo 5 minuti stai alla stessa temperatura di prima. Forse sarebbe il caso di leggere un pò di fisica generale, in particolare la legge di conduzione termica di Fourier http://it.wikipedia.org/wiki/Conduzione_termica per capire che la trasmissione del calore, ovvero del freddo in questo caso, è legata al tempo in modo continuo (c’è una derivata di mezzo). Invece prova ad osservare i tronchi degli agrumi (oltre 30 anni d’età), in particolare dei limoni e vedrai che hanno tutti le branche superiori congelatesi nell’85

    pietropuccio
    Partecipante
    Posts: 3132
    • 375Topic
    • 3132Risposte
    • 3507Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 21:11 - Views: 263 #14431

    Il dato aveva stupito anche me, e sono andato a controllare, effettivamente il 4 gennaio 1979 la minima a Lecce (Galatina) è stata di -12, lo stesso giorno a Brindisi -6,4; a Lecce città, sono riportate temperature di -9/-10.

    Pietro Puccio
    Palermo
    Zona climatica 9b (USDA)
    Temperato subtropicale (Koppen)

    Pietro
    Palermo
    Zona (USDA) 9b
    https://www.monaconatureencyclopedia.com/enciclopedia/piante/

    Fede76Posts: 647
    • 54Topic
    • 647Risposte
    • 701Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 21:43 - Views: 331 #14432

    Lilio ho preso i dati da http://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_meteorologica_di_Lecce_Galatina .
    Nel basso Salento la situazione è stata diversa: http://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_meteorologica_di_Santa_Maria_di_Leuca .
    Comunque non ho mai parlato e mi sognerei di dire mezz’ora…anche se molte volte la velocità di risalita e abbassamento delle temperature può dipendere da alcuni fattori come il vento (sempre in modo continuo).
    Per quanto riguarda gli ulivi, effettivamente stanno ancora li (alcuni da più di duemila anni) e se seccano a – 12 ammetto che questo la dica lunga sull’attendibilità del sito che ho riportato. Queste situazioni mi fanno rendendere conto che c’è da fidarsi solo dalle proprie esperienze in quanto su internet sono più le sciocchiezze che circolano che le verità. Grazie dell’accorgimento.

    Scritto Da – fede76 on 26 Gennaio 2011 21:51:51

    maculatoPosts: 490
    • 71Topic
    • 490Risposte
    • 561Post totali
    26 Gennaio 2011 alle 23:23 - Views: 334 #14433

    Ciao l’archivio de ilmeteo.it mette invece una temperatura, per il 4 di gennaio 1979 di -9°.
    Qui è consultabile l’archivio:
    http://www.ilmeteo.it/portale/archivio-meteo/Lecce/1979/Gennaio
    Saluti

    Daniele MATERA-TARANTO
    zona climatica 9b
    marino con microclima di bosco

    iyaredPosts: 55
    • 12Topic
    • 55Risposte
    • 67Post totali
    27 Gennaio 2011 alle 1:56 - Views: 407 #14434

    Non è che i siti discordano, è che come ha accuratamente scritto Pietro il dato di -12 si riferisce a Galatina e quello di -9 a Lecce. In generale il Salento ha un clima paradossale perchè usualmente molto mite, ossia a mio parere è l’area che più di tutto il resto del sud si avvicina già alla Calabria (che a livello costiero è indiscutibilmente la regione più mite dell’Italia continentale), però poi in particolari condizioni, essendo privo di ripari a nord-est, le circostanze precipitano e la differenza si sente tutta… infatti anche ieri notte alcune stazioni hanno toccato valori notevoli, in particolare Supersano -4.7 e la stessa Lecce ovest -4.1 (mentre Lecce stadio e Porta Napoli sono rimaste attorno allo 0); quindi Fede, come noti dalla stazione di Supersano non è che tutta la parte sud è più mite, ma solo la zona di Leuca, e ancor più un ristretto areale sullo Jonio attorno a Gallipoli che davvero si avvicina di più alla Calabria jonica (pur rimanendo ancora delle differenze a favore di quest’ultima…)

    “E’ improprio credere che si potrà mai sosituire il lavoro agricolo, un sacro compito graziosamente conferito da Dio all’uomo quale fonte del suo benessere e fondamento della sua prosperità”. (Haile Sellasie I, Re dei Re d’Etiopia)

    NelumboPosts: 256
    • 139Topic
    • 256Risposte
    • 395Post totali
    27 Gennaio 2011 alle 9:48 - Views: 374 #14435

    Ciao, Federico

    a proposito di ulivi che morirebbero a quelle temperature, mi intrometto un secondo per segnalarti che, qui nella mia zona, l’anno scorso ci sono state alcune “toccate” fino a -12C (caso eccezionale per la nostra zona, fredda ma non gelida) e quasi due settimane senza che la temperatura andasse mai sopra lo zero. Inoltre, credo nel 2001, per quasi un mese la temperatura si mosse tra valori (abbondantemente) negativi e, raramente, appena positivi. Ora, è vero che non si arrivò mai a -12C, ma pensa a un mese tra -9 e +2: meglio una notte a -12C Nessun ulivo è morto (tutti hanno mantenuto la fronda), così come non sono morti gli aranci amari, gli Eucaliptus, le Camphora (queste si sono prese una strinata, recuperata abbondantemente con la bella stagione), le Grevillea rustiche, le Billbergia rustiche etc. Certo bisogna dire che che, in barba alla temperatura, ogni pianta occupa il suo posto più o meno soleggiato, più o meno asciutto o protetto.
    Le acacia dealbata, la bayleana e anche la retinoides invece, inaspettatamente (da noi ne crescono alberi infiniti), “ci sono rimaste sotto”.

    Ciao e buona giornata

    A proposito, dato che ti piacciono le orchidee: mi è nato un keiki di Dendrobium kingianum che, se vuoi, ti posso regalare! E’ piccolo, però promette bene!

    Tasha