Tropicamente Forum

 

Tropicamente Forum
Messaggi Recenti Nono ci sono messaggi nella tua casella di posta privata Firma/Leggi il libro degli ospiti Calendario EventiOccasioni on lineNuovi UtentiTropicamente.it Links Motore di Ricerca InternoFaq del Forum...
Nome utente:
Password:
Salva password
Hai perso la Password?
 Elenco dei forum
 Fruttiferi
 innesto avocado

 Versione stampabile
Pagine:
  1  2  3
Autore Discussione indietro Discussioni Discussione successiva  
anto87
Membro Attivo



Italia
254 messaggi
Inserito il - 27 Aprile 2012 :  13:43:15  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
non avendo innestato l' avocado fino ad adesso credo ormai non sia piu' il tempo , quando potro' dunque effettuarlo?

Antonio
Nuovo Arrivato



Italia
5 messaggi
Inserito il - 27 Aprile 2012 :  17:45:31  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
Buona giorna a tutti!. non so come si innesta l'avogado. potete illuminarmi? Quale porta innesto deve essere utilizato? Che tipo di innesto e in che periodo si può fare? Esendo un principiante devo fare tutte queste domande. Ringrazio tutti coloro che risponderanno.

Torna all'inizio della pagina

Antonio 46
Membro Senior



Italia
418 messaggi
Inserito il - 01 Maggio 2012 :  09:40:48  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Visita l'homepage di  Antonio 46  Rispondi citando
Carissimi omonimi,
ora penso sia tardi per innestare l'Avocado...me ne rendo conto vedendo il mio Persea Americana innestato, di poco meno di un metro e appena acquistato un mese fa nel vivaio Noaro di Camporosso (Imperia).

L'Avocado, varietà “Bacon”, era pieno di infiorescenze a grappolo che ormai sono sfiorite e sostituite da una folta chioma.

L’acquisto di quest’essenza, oltre che per il suo valore botanico ed estetico, è giustificato dall’opportunità di utilizzare alcuni suoi rami per futuri innesti su diversi Avocadi ottenuti da seme e già in mio possesso.
Allego foto della medesima pianta e del tipo d’innesto praticato su questa essenza.

La prossima primavera, infatti, appena le piantine in questione andranno in “sugo” (gergo che definisce la ripresa della linfa dopo il riposo vegetativo) tenterò l’innesto.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7BTorna all'inizio della pagina

marco melillo
Nuovo Arrivato



Italia
3 messaggi
Inserito il - 01 Maggio 2012 :  17:20:49  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
bellissimo l'avocado Antonio! Su cosa è innestato? dal colore il portainnesto sembrerebbe una varietà messicana,no? ho visto anche i tuoi mango che hanno fiorito. ma la temperatura la tieni sempre a 20°C? il mio che è alto su per giù 1,60 ed è in serra fredda(minime tra i 9-14°C e massime tra i 25-35°C) non ha ancora fatto niente. ha ingrossato le cime e da una di queste spuntano tante foglioline verdi ma sembrano quelle che, relativamente alla mia esperienza, anticipano le foglie vere e proprie. ormai secondo me è tardi per fiorire. spero che cresca allora. ma a te il mango a mai portato qualche frutto? ciao

marco melilloTorna all'inizio della pagina

n/a
deleted




500 messaggi
Inserito il - 01 Maggio 2012 :  17:49:13  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
A dir la verità ad Antonio non fioriscono solo gli avocadi e i manghi.... Fiorisce tutto


Giulio
TrentoTorna all'inizio della pagina

Antonio 46
Membro Senior



Italia
418 messaggi
Inserito il - 01 Maggio 2012 :  23:42:13  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Visita l'homepage di  Antonio 46  Rispondi citando
quote:

ma la temperatura la tieni sempre a 20°C?
a te il mango a mai portato qualche frutto? ciao

marco melillo


Ciao Marco e ben venuto su questo bellissimo forum.
Non saprei dire sull'origine del portainnesto del mio Avocado, anche se penso, dopo anni di esperienza, che le nostre vigorose piantine nate da seme abbiano le caratteristiche giuste per l'eventuale innesto con marze fresche di un Avocado già maturo e produttivo.
Già da parecchio le mie tropicali vegetano all'esterno nell'altro balcone posizionato ad Est in balia dei capricci di questa anomala primavera dopo aver svernato in veranda con temperature minime di 11/14 gradidi di notte e 20 e più circa di giorno.
L'esperienza di una fruttificazione del Mango qui a Torino purtroppo mi manca, anche se, detto a voce bassa, accarezzo il sogno di vedere un frutto sul Mango di Paolo che attualmente è ancora carico di migliaia di piccoli fiori impollinati da numerosi e vari insetti locali.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7BTorna all'inizio della pagina

marco melillo
Nuovo Arrivato



Italia
3 messaggi
Inserito il - 02 Maggio 2012 :  14:18:03  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
Grazie dell'accoglienza nel forum. sono rimasto molto sorpreso dal vedere il mango di Antonio in fiore. dalle foto che hai messo mi sembra di vedere che non è neanche lignificato.
Il mio che ho comprato l'anno scorso a Murabilia ha il tronco tutto lignificato e anche piuttosto spesso. comunque confido in lui e spero che prima o poi mi regali qualche sorpresa. per quest'anno mi accontento del mio avocado delle azzorre che(nn so se lo hai visto nei vari forum) essendo stato completamente defogliato dagli acari ora ha ributtato facendo 6-7 rami forse piu dal tronco . Ti auguro di mangiare avocadi e manghi casarecci. ciao

marco melilloTorna all'inizio della pagina

lobivia
Nuovo Arrivato




28 messaggi
Inserito il - 02 Maggio 2012 :  21:18:14  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
quote:

La prossima primavera, infatti, appena le piantine in questione andranno in “sugo” (gergo che definisce la ripresa della linfa dopo il riposo vegetativo) tenterò l’innesto.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7B


Il periodo migliore per quel tipo di innesto ( a spacco pieno , ma sarebbe preferibile che facessi il tipo " a cavallo " cioè con il taglio sulla marza e la sagomatura sul soggetto ) è prima o dopo il periodo del pianto , per evitare che la linfa possa ostacolare l'attecchimento ; io preferisco fare questo innesto in settembre - ottobre ( dipende dall'andamento stagionale ) per dare tempo ai tessuti di saldarsi prima che i germogli inizino ad aprirsi ; facendo l'innesto in primavera si corre il rischio che le gemme si aprano utilizzando le riserve di linfa contenute nella marza ( in pratica "svuotandola" ) prima che i tessuti si siano saldati correttamente . Franco

Torna all'inizio della pagina

Antonio 46
Membro Senior



Italia
418 messaggi
Inserito il - 02 Maggio 2012 :  23:50:01  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Visita l'homepage di  Antonio 46  Rispondi citando
Benvenuto Franco e complimenti per i consigli sull'innesto dei nostri Avocado, dettati, evidentemente, da una lunga esperienza sul campo...o almeno così mi par di capire (io ho cominciato quest'anno a cimentarmi con gli innesti)
Tutto ciò stravolge favorevolmente le nostre aspettative!
questo significa che per quest'anno siamo ancora in gioco e che potremo avere a disposizione ancora parecchi mesi per riflettere prima del cruento intervento sulle nostre amate piante.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7BTorna all'inizio della pagina

lobivia
Nuovo Arrivato




28 messaggi
Inserito il - 03 Maggio 2012 :  09:17:09  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
quote:

Benvenuto Franco e complimenti per i consigli sull'innesto dei nostri Avocado, dettati, evidentemente, da una lunga esperienza sul campo...o almeno così mi par di capire ....
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7B


Ti ringrazio per il benvenuto , vedrai che quando avrai i miei 60 anni avrai acquisito una grande esperienza anche sugli innesti ; l'innesto eseguito sulla tua peraltro bellissima pianta non è dei più curati : si vedono i segni lasciati dalla rafia perchè la legatura è stata lasciata per troppo tempo stretta ; per quanto riguarda la tabella di marcia degli innesti se fossi in te procederei così : vedrei se ci sono delle gemme asportabili sul "Bacon" ed opererei ora sul franco con un innesto a gemma vegetante ( scudetto come per le rose , tre gemme anche ad altezze diverse e ruotate di 120 gradi circa una rispetto all'altra ) ; probabilmente uno degli innesti attecchirà ed avresti risolto il problema , ma nel caso di fallimento interverresti con l'innesto a spacco a cavallo in settembre . Nell'innesto a gemma ti consiglio di lasciare un minimo di verde ( basta un piccolo getto con tre foglie ) sopra lo scudetto per richiamare ed elaborare la linfa : lo eliminerai solamente quando lo scudetto avrà iniziato ad aprirsi ; lascia una decina di cm di tronco franco sopra l'innesto a gemma attecchito : ci legherai il tuo germoglio . Evita colpi di sole all'innesto schermandolo con carta o foglie . Per ulteriori chiarimenti ... a disposizione.
Buon lavoro ! Franco

P.S. Facendo l'Anteprima mi è apparso il messaggio: "Non c'è alcun messaggio ho immagine da vedere in anteprima!"
Correggete quella "ho" con una semplice "o"


Torna all'inizio della pagina

anto87
Membro Attivo



Italia
254 messaggi
Inserito il - 04 Maggio 2012 :  19:48:26  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
quote:

Carissimi omonimi,
ora penso sia tardi per innestare l'Avocado...me ne rendo conto vedendo il mio Persea Americana innestato, di poco meno di un metro e appena acquistato un mese fa nel vivaio Noaro di Camporosso (Imperia).

L'Avocado, varietà “Bacon”, era pieno di infiorescenze a grappolo che ormai sono sfiorite e sostituite da una folta chioma.

L’acquisto di quest’essenza, oltre che per il suo valore botanico ed estetico, è giustificato dall’opportunità di utilizzare alcuni suoi rami per futuri innesti su diversi Avocadi ottenuti da seme e già in mio possesso.
Allego foto della medesima pianta e del tipo d’innesto praticato su questa essenza.

La prossima primavera, infatti, appena le piantine in questione andranno in “sugo” (gergo che definisce la ripresa della linfa dopo il riposo vegetativo) tenterò l’innesto.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7B


sembra un innesto a spacco qualcuno me lo conferma ?chissa se puo' essere effettuato i primi di settembre dopo il riposo estivo e prima della ripresa dell ' ultima crescita invernale quando vegetano a inizio autunno fine estate?

Torna all'inizio della pagina

Peppesicilia
Membro Attivo




272 messaggi
Inserito il - 04 Maggio 2012 :  22:24:12  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
Ma scusate.. gli avocadi sono sempreverde subtropicali, io sapevo che potevano essere innestati da marzo a settembre..
Non dovrebbero valere le regole che si usano per pesche, pere, etc... che vanno a riposo o mi sbaglio?

--------------------
Sicilia Orientale
367 metri sul mare
--------------------Torna all'inizio della pagina

lobivia
Nuovo Arrivato




28 messaggi
Inserito il - 05 Maggio 2012 :  09:18:09  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
quote:

Ma scusate.. gli avocadi sono sempreverde subtropicali, io sapevo che potevano essere innestati da marzo a settembre..
Non dovrebbero valere le regole che si usano per pesche, pere, etc... che vanno a riposo o mi sbaglio?

--------------------
Sicilia Orientale
367 metri sul mare
--------------------


Se è vero che questi fruttiferi sono , al loro paese , dei sempreverdi subtropicali , è altrettanto vero che nel nostro hanno un ben preciso periodo di esplosione di verde e di fioritura che corrisponde al massimo afflusso di linfa ( a loro volta dipendenti da fattori genetici quali specie/varietà e da fattori pedoclimatici ): in questo stato della pianta , indipendentemente dal mese , non è consigliabile operare innesti . A questo aggiungi che le stagioni "classiche" non esistono più ( a Pomezia (RM) i susini mirabolani di via Catullo da una quindicina di anni fioriscono una seconda volta in settembre - ottobre e spesso alcuni allegano frutti ) ; parlare di mesi ben precisi o addirittura di un semestre idoneo agli innesti non è più corretto ( in quei sei mesi la pianta potrebbe trovarsi in perfetta stasi oppure nel periodo di massima "spinta") ; oggi ci si deve basare esclusivamente sullo stato vegetativo dell'esemplare da innestare .
Franco

Torna all'inizio della pagina

anto87
Membro Attivo



Italia
254 messaggi
Inserito il - 12 Maggio 2012 :  15:40:59  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
quote:

quote:

La prossima primavera, infatti, appena le piantine in questione andranno in “sugo” (gergo che definisce la ripresa della linfa dopo il riposo vegetativo) tenterò l’innesto.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7B


Il periodo migliore per quel tipo di innesto ( a spacco pieno , ma sarebbe preferibile che facessi il tipo " a cavallo " cioè con il taglio sulla marza e la sagomatura sul soggetto ) è prima o dopo il periodo del pianto , per evitare che la linfa possa ostacolare l'attecchimento ; io preferisco fare questo innesto in settembre - ottobre ( dipende dall'andamento stagionale ) per dare tempo ai tessuti di saldarsi prima che i germogli inizino ad aprirsi ; facendo l'innesto in primavera si corre il rischio che le gemme si aprano utilizzando le riserve di linfa contenute nella marza ( in pratica "svuotandola" ) prima che i tessuti si siano saldati correttamente . Franco



supponendo di mettere un annuncio a settembre su questo forum per recuperare un buon innesto di una buona varieta' di una pianta anziana che fruttifica abbondantemente sempre che ci sia qualche buona anima pia a mandarmi l innesto per posta pensate si possa inviare oppure una volta prelevato l'innesto va' fatto subito dalle mie parti non saprei dove procurare un buon innesto grazie

Torna all'inizio della pagina

Caio
Membro Master



Italia
1554 messaggi
Inserito il - 16 Maggio 2012 :  20:09:35  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
Non è possibile innestare una Persea "tramite posta".
Non è ben chiaro come si sviluppa il problema, ma l'innesto deve essere fatto in modo preciso e rapido.
I fallimenti sono molto alti, si ipotizza che la linfa sia ricca di composti rapidamente ossidabili.

La quasi ttoalità degli innesti è su "franco", nell'area del mediterraneo sono quasi esclusivamente su razza Messicana, in quanto più resistente al freddo.

Una ventina di anni fà si è anche provato ad innestare la persea su Machilus Glaucescens, anche con ottimi risultati di attecchimento, si è poi abbandonato questo porta innesto in quanto molto sensibile alla Phytopthora cinnamomi, molto più della Persea.
Un altro porta innesto spermentato per la sua resistenza alla Phyto.. è stata la Persea borkonia, però la sua incompatibilità ha fatto abbandonare le ricerche su tale porta innesto.

La scelta del porta innesto non è banale a livello commerciale.
Esso infatti determinerà il vigore della pianta, la sua longevità, l'entrata in produzione, la sua produttività, la resistenza alle temperature, alla salinità ecc.

I porta innesti di Hall, Lula Booth 7 e 8 Fuerte svilupperanno piante che entreranno subito in produttività, con uno sviluppo della pianta molto vigoroso.

I metodi più utilizzati per l'innesto sono a gemma o scudetto ad inizio primavera od in autunno.
Le prove condotte con il metodo del doppio spacco all'inglese non hanno dato ottimi risultati.

Saluti, ciao.

quote:

quote:

quote:

La prossima primavera, infatti, appena le piantine in questione andranno in “sugo” (gergo che definisce la ripresa della linfa dopo il riposo vegetativo) tenterò l’innesto.
Antonio

Antonio Sabbetti
Torino zona USDA 7B


Il periodo migliore per quel tipo di innesto ( a spacco pieno , ma sarebbe preferibile che facessi il tipo " a cavallo " cioè con il taglio sulla marza e la sagomatura sul soggetto ) è prima o dopo il periodo del pianto , per evitare che la linfa possa ostacolare l'attecchimento ; io preferisco fare questo innesto in settembre - ottobre ( dipende dall'andamento stagionale ) per dare tempo ai tessuti di saldarsi prima che i germogli inizino ad aprirsi ; facendo l'innesto in primavera si corre il rischio che le gemme si aprano utilizzando le riserve di linfa contenute nella marza ( in pratica "svuotandola" ) prima che i tessuti si siano saldati correttamente . Franco



supponendo di mettere un annuncio a settembre su questo forum per recuperare un buon innesto di una buona varieta' di una pianta anziana che fruttifica abbondantemente sempre che ci sia qualche buona anima pia a mandarmi l innesto per posta pensate si possa inviare oppure una volta prelevato l'innesto va' fatto subito dalle mie parti non saprei dove procurare un buon innesto grazie



Torna all'inizio della pagina

marco melillo
Nuovo Arrivato



Italia
3 messaggi
Inserito il - 17 Maggio 2012 :  15:55:09  Scrivi Un Messaggio Privato  Visualizza profilo  Rispondi citando
sul libro di Francesco Calabrese c'è scritto questo:"L'innesto dell'avocado presenta certe difficoltà, non tanto in ordine all'esecuzione quanto per le fallanze che possono verificarsi." poi riassumendo dice che la linfa si ossida e richiede un'operazione rapida. i tipi di innesto che cita sono: spacco laterale(Florida), a gemma(California), scudetto(messico), spacco inglese (Perù), in Italia i migliori risultati si hanno con semenzali un poco piu grossi del normale innestati a spacco laterale o apicale, lasciando delle foglie al portainnesto. dopo spiega i vari innesti e poi dice:"é preferibile eseguire l'innesto a marza in primavera(...), l'inesto a scudetto si puo effettuare con lo stesso successo tanto a gemma dormiente che vegetante. Le marze si possono conservare anche per 30-50 giorni avvlte in film polietilenico alla temperatura di 3-6°C.
Spero di esserti stato utile. ciao

marco melilloTorna all'inizio della pagina

Discussione lunga 3 pagine:
  1  2  3
 

 Versione stampabile
Vai a:

Tropicamente Forum

Utenti nel Forum: 1 Membri  33 Anonimi 

© 2004 - Lucia Barabino

Torna Su
Snitz Forums